Blog

Bambino interiore, la meditazione che aiuta a riscoprirlo

By 9 Settembre 2019 No Comments
bambino interiore meditazione

Spesso si sente parlare di concetti come quello del bambino interiore, e non si sa a che cosa ci si voglia riferire con questo tipo di espressione.

Tuttavia, la meditazione che aiuta a risvegliare il proprio bambino interiore è un ottimo strumento, soprattutto per chi abbia perso un pò la “bussola” e magari si trovi in un periodo di aridità spirituale.

La “notte dell’anima”

Molti esperti parlano di uno stato particolare chiamato “la notte dell’anima” nella quale il soggetto si sente completamente perso e sente di non avere più i propri punti di riferimento, quelli che lo avevano sostenuto sino ad un momento prima.

Questa situazione, che può portare a molta sofferenza, può essere però il punto di partenza per intraprendere un percorso verso il bambino interiore con la meditazione e con altri esercizi che potranno essere proposti.

Grazie a queste pratiche avrete la possibilità di arrendervi a ciò che è sicuramente più grande di voi, e che vi potrà dare una mano ad uscire da questa sensazione di solitudine pressante.

Perché il bambino interiore in meditazione

Si può dire che il nostro bambino interiore sia la parte più vera di noi. È quella fonte dalla quale vengono la nostra creatività, lo stupore, la fiducia e la saggezza, ma è anche una parte molto fragile.

Proprio per questo essa può essere stata ferita in passato, e portarci a non avere più molta fiducia nelle persone, e anche in noi stessi, arrivando a determinare sensazioni come la bassa autostima e la necessità di un isolamento.

Riconnettersi con il proprio bambino interiore vi aiuterà a riportare nella vostra mente e nel vostro cuore le sensazioni positive che avevate dimenticato, come la passione, la libertà e la voglia di imparare e di crescere.

La chiave sulla quale agire per raggiungere questo fondamentale obiettivo sarà sempre l’amore, che è poi la fonte di tutto, anche delle nostre emozioni più nascoste.

Bambino interiore, la meditazione specifica

Esistono diversi sistemi per approcciarsi alla meditazione dedicata al bambino interiore, e qui potrete vederne un esempio.

Ovviamente, per fare un lavoro più profondo legato a questo aspetto della vostra vita dovrete rivolgervi ad una figura di riferimento, come il vostro psicologo o la vostra soul life coach, che vi potrà guidare ulteriormente nei meandri della vostra psiche e della vostra mente.

Ecco, quindi, un’ispirazione per la meditazione dedicata al bambino interiore.

Come prima cosa bisognerà rilassarsi e lasciare che i pensieri per un attimo fluiscano. Potrete anche registrare questa meditazione in modo da poterla utilizzare senza dover leggere o cercare di ricordare.

A questo punto iniziate a pensare al passato, ad immaginare voi stessi qualche mese fa, ad esempio in un’occasione speciale che sia appena trascorsa.

Immaginate di incontrare voi stessi e di poter parlare con voi stessi come se foste un amico.

Cercate di trasmettere al “voi” di qualche mese fa una sensazione positiva di sicurezza e di trasporto, proprio come farebbe una persona che vi vuole molto bene.

Ora potrete andare col pensiero al vostro ultimo giorno di scuola o di università. Di nuovo cercate di incontrare voi stessi e di trasmettervi calore, amore, sicurezza e saggezza, in modo che il vostro sé del passato si senta sicuro.

Potrete anche narrare al “voi” del passato degli avvenimenti che vi abbiano messo alla prova qualche mese o anno dopo rispetto all’ultimo giorno di scuola.

Cercate, però, di tranquillizzare voi stessi indicando come da ogni situazione sia stato per voi semplice uscire vincitori.

Ora potrete tornare al vostro primo giorno di scuola. La vostra missione, come “visitatori dal futuro” sarà sempre quella di tranquillizzare il bambino che avrete davanti, indicandogli come tutto andrà bene.

Potrete parlargli dei successi e delle sconfitte, specificando come un brutto voto, ad esempio, non sarà mai la fine del mondo, e come il vostro futuro sarà radioso in ogni caso.

Potrete, poi, passare ad immaginare voi stessi nel momento in cui stavate imparando a camminare.

Vi vedrete assolutamente assorti in questa nuova esperienza, e decisi ad imparare questa cosa nuova e molto importante.

Cercate di sentire ciò che il bambino così piccolo, eppure così forte, è capace di trasmettervi, e immedesimatevi qualche istante in lui.

Voi avete ancora dentro di voi quella forza, quella voglia di fare e di imparare, dovrete solo riscoprirla.

Infine, immaginate voi stessi al momento della nascita: nella vostra immagine potrete prendervi in braccio e potrete comunicare a voi stessi che la vita è magnifica.

Elencate al bambino tutte le cose bellissime che potranno succedere e, ancora una volta, rassicuratelo in merito al futuro.

Come potete notare, quindi, avrete intrapreso un viaggio a ritroso nella vostra vita, un viaggio che vi ha portati sino all’origine della vostra esistenza.

Capire che questo bambino è sempre presente, e che talvolta può avere bisogno di queste rassicurazioni, vi aiuterà anche ad essere più sicuri nel presente.

Questa meditazione è solo un assaggio di quello che puoi imparare!

 

 

-> Partecipa al “percorso individuale” Inner Child Healing
-> Partecipa al “percorso di gruppo” Inner Child Healing

syko543v4

About syko543v4