Blog

Self empowerment: significato e applicazioni

By 4 Settembre 2019 Settembre 9th, 2019 No Comments
self empowerment significato

Esistono terminologie molto utilizzate al giorno d’oggi, ed una di queste, che sicuramente avrete sentito nominare, è il cosiddetto self empowerment.

Tuttavia, pochi conoscono il significato, e anche come utilizzare gli strumenti che si correlano ad esso per la propria vita quotidiana e per migliorare se stessi. 

Self empowerment, significato specifico

Come prima cosa, per comprendere che cosa sia il self empowerment, sarà necessario capire che cosa sia semplicemente l’empowerment.

Questo termine inglese può essere tradotto come “aumento del potere” o come “potenziamento”. 

Nel caso specifico, ci si riferisce soprattutto al potere personale che il soggetto potrà trovare dentro di sé, diverso da quello che la persona potrà esercitare su un terzo soggetto.

Tuttavia, esso può anche riferirsi alla capacità di esercitare un certo potere nel rapportarsi agli altri, ad esempio nel rapporto che il soggetto può avere con il proprio capo, o nella sua capacità di parlare con amici e parenti. 

Diversamente da quanto si potrebbe pensare, il self empowerment non è stato introdotto di recente, e non è la classica “americanata”, seppure derivi da studi americani.

Si è parlato per la prima volta di empowerment negli anni Ottanta, ed in particolare nell’ambito di uno studio che è stato svolto da due psicologi, Zimmermann e Rappaport, che lavoravano presso l’università del Michigan.

Studiando la psiche umana, questi due dottori hanno avuto la possibilità di individuare quella che potremmo chiamare “nuova variabile” dal punto di vista psicologico, ed hanno visto come essa si possa legare a:

  • La capacità di avere speranze per il futuro;
  • La capacità di controllare se stessi e di sentirsi in grado di farlo;
  • La capacità di trovare in se stessi le risorse necessarie;
  • La fiducia nelle proprie risorse personali.

Nello studio è stato possibile capire anche come gli elementi descritti siano correlati tra loro, e vadano praticamente di pari passo l’uno con gli altri.

Proprio per cercare di “sintetizzare” i punti descritti, essi hanno utilizzato il termine empowerment.

Dall’empowerment al self empowerment

Nel corso del tempo si è passati dall’utilizzo del semplice termine empowerment a quello di self empowerment, e si potrebbe avere una certa curiosità nel capire il motivo di questo “passaggio”.

In particolare, Zimmermann e Rappaport hanno dato il via ad un’altra serie di studi e applicazioni legati proprio a questo self empowerment.

Queste sono state realizzate dall’italiano Massimo Bruscaglioni, e se i primi due psicologi indicavano come il cosiddetto empowerment potesse essere una specie di caratteristica individuale di tipo innato, Bruscaglioni ha approfondito la tematica cercando di accrescere questa caratteristica all’interno della persona.

Proprio partendo da questo presupposto, esso è riuscito a teorizzare il concetto di “self self empowerment” (che oggi si indica come semplice self empowerment), arrivando ad applicare questa teoria soprattutto a livello aziendale e sociale.

Esso indicava come:

“il termine self empowerment indica un fattore psicologico traducibile in quel sentimento di protagonismo rispetto alla gestione della propria vita”

Il fatto di aver aggiunto il prefisso self starebbe ad indicare il fatto per il quale tale fattore psicologico sarebbe, almeno in parte, indipendente da quello che è l’ambiente che circonda la persona. 

Self empowerment, la definizione attuale

Dopo aver visto come sia nata la teoria del self empowerment ora è possibile valutare quello che è il significato attuale dell’espressione.

In particolare, si potrebbe utilizzare questa per indicare:

  • Il sentimento di protagonismo del soggetto rispetto alla gestione della propria vita;
  • La capacità di utilizzare in modo ottimale le proprie risorse e le proprie caratteristiche personali;
  • Possibilità di aprire nuove possibilità grazie al soddisfacimento delle due variabili precedenti.

Quindi si può capire come interpretando in questo modo il Self Empowerment si possa dare un’ottica positiva alla persona, che potrà sentire di essere padrona di se stessa, del proprio futuro e capirà di avere diverse possibilità di scelta, anche nel momento in cui esso potrebbe pensare che non tutto possa dipendere dalla sua volontà.

Si parla invece di brand empowerment in campo aziendale quando si vuole costruire una importante popolarità di un marchio, capace di creare empatia con il proprio target.

Self Empowerment e psicologia positiva

Esaminando, quindi la teoria del Self Empowerment da questo punto di vista, si può capire come questa indichi al soggetto come la vita non sia priva di problemi, ma come esso potrà concentrarsi sui suoi desideri, ma non per sfuggire alla realtà, bensì per “puntare in alto”.

Questo tipo di approccio ha come obiettivo quello di portare il soggetto ad aumentare il suo potere verso una direzione specifica, verso un obiettivo particolare.

Sempre partendo da questo presupposto, per il Self Empowerment il significato sarà quello relativo alla possibilità non tanto di aumentare il potere di una persona in generale, ma con riferimento ad uno specifico obiettivo, ad un particolare focus. 

Come aumentare il proprio Self Empowerment

A questo punto sarà bene valutare anche come poter aumentare il proprio Self Empowerment, sempre seguendo questo tipo di approccio.

Secondo gli studiosi che si sono occupati di individuare gli elementi fondamentali del Self Empowerment per poter aumentare questo potere relativo a se stessi sarà necessario seguire un processo operativo che sarà composto da fasi che dovranno seguire l’una quella precedente.

In questo modo, e citando sempre chi ha già studiato quest’ambito, sarà possibile attivare i cosiddetti “fattori motori del Self Empowerment”.

Ma come fare? Attivare questi fattori sarà possibile utilizzando diversi strumenti, dai percorsi ai laboratori, sino a colloqui con uno psicologo che sia esperto in quest’ambito. 

E se questo tipo di approccio vi potrebbe sembrare una specie di “magia” sappiate che, invece, la teoria del Self Empowerment è stata più volte studiata e applicata con successo, anche in persone che non credevano di poter migliorare se stesse. 

Self Empowerment, l’utilizzo e come applicarlo concretamente

Per spiegare in poche parole come possa “lavorare” il Self Empowerment è necessario fare un esempio pratico.

Provate a pensare al vostro posto di lavoro: sarete sicuramente circondati da persone che lavorano con entusiasmo, che sono contente e si sentono soddisfatte della propria attività, ma anche da persone che sono poco motivate e si lamentano per ogni cosa.

Ebbene, il Self Empowerment si esplica proprio seguendo l’esempio del vostro primo collega: vi consente di utilizzare il vostro potenziale, di rendervi motivati e di portarvi anche oltre quella che voi potreste definire come linea massima di comfort. 

Grazie al Self Empowerment potrete essenzialmente essere in grado di scegliere la vostra strada, e anche di percepire le vostre scelte come giuste e come soddisfacenti. 

Anche nel caso in cui le vostre possibilità attuali fossero limitate, con il Self Empowerment potreste aumentare le probabilità di scelta, e di fare una scelta vincente, che non vi faccia cadere in un circolo vizioso caratterizzato da una sorta di impotenza. 

Esistono diversi ambiti di applicazione per il Self Empowerment, e qui se ne possono vedere alcuni:

  • Sul posto di lavoro

Grazie al Self Empowerment il soggetto potrà migliorare la propria relazione con il lavoro e con ciò che caratterizza l’attività lavorativa. Ovviamente, per chi voglia raggiungere nuovi traguardi, sarà possibile utilizzare questo approccio per fare carriera  o per cambiare lavoro, mentre per chi non abbia questa intenzione, sarà comunque possibile ripensare al proprio modo di lavorare, magari andando a valutare delle possibilità che non si erano mai prese prima in considerazione. 

  • Nelle relazioni

Il Self Empowerment insegna a comunicare al meglio con le persone che costituiscono la famiglia o il gruppo di amici delle persone.

Grazie a questo approccio sarà possibile, ad esempio, evitare di continuare a subire le scelte degli altri, iniziando a far sentire anche la propria voce. 

Un altro strumento che appartiene a questa serie di tecniche è costituito dall’elaborazione delle relazioni problematiche. Aumentando il proprio Self Empowerment il soggetto potrà lasciare indietro le polemiche che potrebbero aver rovinato una relazione personale, di amicizia o di lavoro, iniziando a prendere con filosofia alcuni atteggiamenti delle altre persone.

  • Nel rapporto con se stessi

Il Self Empowerment è importante anche nel rapporto con se stessi. Molto spesso, infatti, le persone tendono a dimenticarsi dei propri bisogni, di quello che dovrebbe essere un normale dialogo interiore grazie al quale capire, in ogni situazione, se ciò che stia accadendo vada bene, oppure se esso non sia accettabile.

Acquisendo degli strumenti di Self Empowerment, quindi, la persona sarà in grado di riprendere in mano la propria vita, di capire meglio se stesso e anche di lasciare indietro alcuni schemi di “vecchia generazione” che potevano limitarlo nelle sue scelte.

In conclusione

Come si è potuto vedere, il Self Empowerment è costituito da tutta una serie di strumenti e di approcci grazie ai quali i soggetti avranno la possibilità di riprendere in mano la propria vita, di rivedere i propri obiettivi e anche di raggiungere il compimento di alcuni di essi.

Diversamente da quanto si potrebbe pensare, il Self Empowerment non consiste nel “mandare al diavolo” il proprio lavoro, le proprie relazioni e tutto ciò che sarà stato fino al momento in cui si inizi il percorso di rivalutazione di se stessi.

Esso, invece, potrebbe essere uno strumento grazie al quale riscoprire il valore positivo delle proprie scelte, e ricominciare ad amare la propria vita, anche con i difetti e le battute d’arresto che tutti, prima o poi, dovranno affrontare.

 

 

-> Partecipa al “percorso individuale” Mohenjo Daro
-> Partecipa al “percorso di gruppo” Mohenjo Daro
-> Partecipa al “percorso individuale” Human Soul Life Coaching
-> Partecipa al “percorso individuale” Life Mission Alignment

syko543v4

About syko543v4